venerdì 24 febbraio | 03:14
pubblicato il 24/lug/2014 13:21

Basta mozziconi, in spiaggia i posaceneri tascabili di Marevivo

2 e 3 agosto torna la campagna "Ma il mare non vale una cicca?"

Basta mozziconi, in spiaggia i posaceneri tascabili di Marevivo

Milano (askanews) - Un posacenere tascabile per salvare le spiagge italiane dai mozziconi di sigaretta. Nel weekend del 2 e 3 agosto oltre mille volontari parteciperanno alla campagna di Marevivo con JTI "Ma il mare non vale una cicca?": su oltre 400 spiagge italiane verranno distribuiti 120mila posacenere tascabili, lavabili e riutilizzabili. Un piccolo gesto che fa la differenza spiega il testimonial della campagna Max Giusti. Anche piccoli rifiuti infatti possono provocare gravi danni al mare e alle sue spiagge, un mozzicone di sigaretta, ad esempio, impiega da 1 a 5 anni prima della completa degradazione. Le "cicche" sono al primo posto nella lista dei 10 rifiuti più raccolti nelle strade, costituiscono tra il 30 e il 40% dei rifiuti nel Mar Mediterraneo secondo i dati del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech