lunedì 27 febbraio | 11:21
pubblicato il 25/feb/2011 14:40

Barba, rughe e pelle bruciata dal sole: ecco il volto di tzi

A 20 anni dal ritrovamento 'rivive' la mummia di Similaun

Barba, rughe e pelle bruciata dal sole: ecco il volto di  tzi

Roma, 25 feb. (askanews) - Media statura, esile ma nerboruto, viso scarno e spigoloso, baffi e barba lunga, pelle bruciata dal sole. A guardarlo in faccia potrebbe sembrare Rasputin da vecchio, il monaco-santone dell'ultimo zar di Russia Nicola II. O forse sembra l'identikit di un contadino qualunque, se non fosse che l'uomo in questione ha 5.300 anni e che parliamo di una vera fotografia. E' il ritratto del volto dell'Uomo di Similaun, -tzi per tutti, al quale a 20 anni dal ritrovamento della mummia sui ghiacciai delle Alpi dell'-tztal, tra Italia e Austria, gli artisti olandesi Adrie e Alfons Kennis hanno ridato vita, ricostruendo il viso con l'ausilio di modelli 3D del cranio e di immagini a infrarossi e tomografiche. La fotografia è pubblicata sull'edizione di marzo del National Geographic Germania e sarà esposta, insieme a altre, nel Museo Archeologico dell'Alto Adige di Bolzano: "Questa rappresentazione di -tzi, fedele e toccante al tempo stesso, affascinerà ed emozionerà tutto il mondo - dice la direttrice del museo, Angelika Fleckinger - poiché dona un volto alla nostra storia, nel vero senso della parola". Il lavoro dei due artisti, noti proprio grazie alle loro ricostruzioni, mostra un uomo dell'età della pietra proveniente dall'area alpina e sorprendentemente reale, dal colore della pelle ai più piccoli corrugamenti della fronte. Per Erwin Brunner, caporedattore di National Geographic Germania, "Venti anni fa il ritrovamento di -tzi ha emozionato l'umanità intera, con la sua morte misteriosa, le conoscenze uniche sulla sua vita e sul suo mondo, adesso possiamo finalmente guardarlo negli occhi e constatare con stupore che è veramente uno di noi". A settembre 2011 si celebrerà il ventesimo anniversario del ritrovamento della mummia più antica e meglio conservata, che il Museo Archeologico dell'Alto Adige di Bolzano festeggia con la mostra '-tzi20 - Life. Science. Fiction. Reality', aperta al pubblico dall'1 marzo al 15 gennaio 2012. Sarà esposta la fotografia del volto, insieme a quelle che Heike Engel ha scattato per sei mesi immortalando in esclusiva l'intero processo di ricostruzione eseguito dai fratelli Kennis.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech