lunedì 05 dicembre | 18:17
pubblicato il 09/gen/2013 10:23

Balduzzi: non c'è nesso certo tra tumori e rifiuti in Campania

Contestazioni al ministro: Rifiuti tossici ci uccidono

Balduzzi: non c'è nesso certo tra tumori e rifiuti in Campania

Aversa (askanews) - Nei territori delle province di Napoli e Caserta si muore due anni prima che nelle Marche, la regione che ha l'attesa di vita più elevata in Italia, ma non è provato un nesso tra i decessi e i rifiuti. Lo rivela uno studio sulla "Situazione epidemiologica della Regione Campania presentato ad Aversa dal ministro della salute, Renato Balduzzi."Non risulta, ad oggi, un nesso causale accertato tra esposizione ai siti di smaltimento di rifiuti e specifiche patologie, compreso i tumori, ma non possono essere escluse potenziali implicazioni sulla salute".Il ministro è stato duramente contestato dai manifestanti aderenti a varie associazioni locali chiedono la bonifica del territorio con urla e slogan."Stiamo morendo a causa dei rifiuti che le aziende del nord hanno sversato grazie alla camorra. Voi li coprite ogni volta che dite che siamo grassi e che mangiamo male, il problema è che questa terra è avvelenata, per questo si muore"Il ministro ha annunciato che "sarà formata una task force per studiare eventuali interventi. Ma non partiamo da zero".

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari