domenica 26 febbraio | 20:21
pubblicato il 12/set/2013 18:45

Bagnasco: si rifiuta l'autorita' perche' confusa con il potere

(ASCA) - Torino, 12 set - ''Il motivo del rifiuto dell'autorita' e' che essa viene sistematicamente confusa con il potere, di cui si ha una concezione pregiudizialmente negativa come imposizione e arbitrio''. Lo ha detto il presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, nella prolusione di apertura della 47* Settimana Sociale dei Cattolici italiani a Torino.

''In generale, - ha proseguito Bagnasco - l'autorita' e' chiamata ad essere punto di riferimento per gli altri, deve discernere il bene comune, decidere in modo obbligante.

Nessuna autorita' e' per affermare se stessa, ma sempre e solo per servire gli altri: in famiglia, in societa', nella Chiesa. Sul piano educativo, poi, chi ha autorita' deve acquisire in modo speciale quella autorevolezza che deriva dalla personale coerenza, dall'avere qualcosa di vero e di grande da dire, dal riconoscere il proprio ruolo, dal giocarsi in prima persona sapendo che educando gli altri educa se stesso. Per questo e' ascoltato, perche' ascoltandolo ci si sente crescere''.

dab/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech