sabato 03 dicembre | 11:26
pubblicato il 12/set/2013 18:30

Bagnasco: nella differenza tra i sessi specificita' della famiglia (1up)

(ASCA) - Torino, 12 set - ''La roccia della differenza e' fondamentale per ritessere l'umano che rischia diversamente di essere polverizzato in un indistinto egualitarismo che cancella la differenza sessuale e quella generazionale, eliminando cosi' la possibilita' di essere padre e madre, figlio e figlia''. Lo ha detto il presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, nella prolusione di apertura della 47* Settimana Sociale dei Cattolici italiani a Torino.

''La differenza dei sessi e la differenza delle generazioni - ha aggiunto Bagnasco - costituiscono la travatura di ogni essere umano, l'espressione visibile e certa del suo essere relazione, due orientamenti fondamentali che non possono essere confusi senza che ne segua una disorganizzazione globale della persona e della societa'''. ''Volendo eliminare dalla dimensione sessuale le sovrastrutture socio-culturali espresse con la categoria di 'genere', - ha sottolineato Bagnasco - si e' giunti a negare anche il dato di partenza: la persona nasce sessuata. Come appare, il concetto ha cosi' subito una radicale mutazione fino ad esprimere 'l'autopercezione individuale': come il soggetto si percepisce, egli e'. Si e' venuti a decostruire la dimensione sessuale fino ad adeguarla alla liquidita' sociale. Dobbiamo uscire da quello che Havel efficacemente definiva 'l'esilio del privato', e avere l'umilta' e il coraggio di riconoscere che le nostre scelte non sono solo ''affare nostro', ma che contribuiscono a contenere o aggravare i problemi dell'ambiente fisico, a costruire o disgregare il mondo sociale. Restringere l'orizzonte su cio' che ci va di fare, che ci fa ''stare bene', senza altre considerazioni''.

''Quando attraverso una decisione politica, vengono giuridicamente equiparate forme di vita in se stesse differenti, come la relazione tra l'uomo e la donna e quella tra due persone dello stesso sesso, si misconosce la specificita' della famiglia e se ne preclude l'autentica valorizzazione nel contesto sociale, trattando in modo uguale realta' diverse''. dab/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari