domenica 22 gennaio | 04:42
pubblicato il 12/set/2013 18:30

Bagnasco: nella differenza tra i sessi specificita' della famiglia (1up)

(ASCA) - Torino, 12 set - ''La roccia della differenza e' fondamentale per ritessere l'umano che rischia diversamente di essere polverizzato in un indistinto egualitarismo che cancella la differenza sessuale e quella generazionale, eliminando cosi' la possibilita' di essere padre e madre, figlio e figlia''. Lo ha detto il presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, nella prolusione di apertura della 47* Settimana Sociale dei Cattolici italiani a Torino.

''La differenza dei sessi e la differenza delle generazioni - ha aggiunto Bagnasco - costituiscono la travatura di ogni essere umano, l'espressione visibile e certa del suo essere relazione, due orientamenti fondamentali che non possono essere confusi senza che ne segua una disorganizzazione globale della persona e della societa'''. ''Volendo eliminare dalla dimensione sessuale le sovrastrutture socio-culturali espresse con la categoria di 'genere', - ha sottolineato Bagnasco - si e' giunti a negare anche il dato di partenza: la persona nasce sessuata. Come appare, il concetto ha cosi' subito una radicale mutazione fino ad esprimere 'l'autopercezione individuale': come il soggetto si percepisce, egli e'. Si e' venuti a decostruire la dimensione sessuale fino ad adeguarla alla liquidita' sociale. Dobbiamo uscire da quello che Havel efficacemente definiva 'l'esilio del privato', e avere l'umilta' e il coraggio di riconoscere che le nostre scelte non sono solo ''affare nostro', ma che contribuiscono a contenere o aggravare i problemi dell'ambiente fisico, a costruire o disgregare il mondo sociale. Restringere l'orizzonte su cio' che ci va di fare, che ci fa ''stare bene', senza altre considerazioni''.

''Quando attraverso una decisione politica, vengono giuridicamente equiparate forme di vita in se stesse differenti, come la relazione tra l'uomo e la donna e quella tra due persone dello stesso sesso, si misconosce la specificita' della famiglia e se ne preclude l'autentica valorizzazione nel contesto sociale, trattando in modo uguale realta' diverse''. dab/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4