martedì 06 dicembre | 06:46
pubblicato il 16/nov/2013 16:22

Bagnasco: legge stabilità sia primo passo per rilancio lavoro

"Senza lavoro la tensione e le preoccupazioni crescono"

Bagnasco: legge stabilità sia primo passo per rilancio lavoro

Genova, (askanews) - Il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, rivela la speranza che la legge di stabilità approvata dal governo possa risolvere i problemi dell'Italia, a partire dalla disoccupazione: l'occasione è il convegno della Federazione operaia cattolica: "Speriamo che questa legge di stabilità, con tutti i suoi limiti, possa essere un primo passo concreto verso la soluzione vera del problema che è gravissimo perché, come ha ricordato anche il Santo Padre, senza lavoro non c'è dignità e neppure famigli. Purtroppo la tensione e le preoccupazioni crescono e questo è più che comprensibile anche perché sappiamo come sia la situazione specialmente tra le fasce più deboli, tra la povera gente e nelle famiglie. Finora non si vede un calo della disoccupazione e nemmeno un aumento dell'occupazione".

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari