domenica 04 dicembre | 15:45
pubblicato il 25/giu/2014 19:14

Azione di Greenpeace contro fonti fossili nel porto di La Spezia

La dimostrazione alla vigilia del vertice Ue di Bruxelles

Azione di Greenpeace contro fonti fossili nel porto di La Spezia

La Spezia, (askanews) - Nuova azione dimostrativa da parte degli ambientalisti di Greenpeace, gli attivisti della nave "Rainbow warrior 3", in vista del Consiglio dei ministri europei di Bruxelles, sono entrati in azione nel porto di La Spezia per ribadire il proprio No alle fonti energetiche fossili.Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace: "Stiamo occupando una gru che movimenta il carbone nel porto - spiega - un'altra protesta è in corso al nastro trasportatore che serve la locale centrale a carbone. Il nostro messaggio, molto chiaro e semplice è diretto al nostro governo e ai capi di stato Ue: possiamo consegnare al passato le fonti fossili, dobbiamo farlo presto per salvare il clima, l'ambiente e i nostri polmoni, la soluzione sono le rinnovabili e l'efficienza energetica".Alcuni attivisti hanno scalato la gru srotolando uno striscione gigante in favore delle fonti rinnovabili sulle strutture che alimentano la vicina centrale elettrica a carbone "Eugenio Montale" dell'Enel che, secondo Greenpeace, con le sue emissioni causerebbe oltre 70 morti premature all'anno.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari