venerdì 24 febbraio | 09:15
pubblicato il 05/set/2013 15:30

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

(ASCA) - Bologna, 5 set - Nuovo focolaio, il sesto in Emilia-Romagna, di influenza aviaria: si tratta di sei animali allevati per il consumo personale da un privato a Bondeno (Fe). Lo rivela una nota della giunta regionale dell'Emilia Romagna.

Le galline, risultate positive al virus H7 in seguito alla conferma del centro di referenza nazionale per l'influenza aviaria, si trovavano in una zona oltre le precedenti aree soggette a vincoli e individuate dalla normativa sanitaria europea e nazionale.

Sulla base dei protocolli operativi per la prevenzione della diffusione del virus sara' istituita una nuova zona di protezione e sorveglianza intorno al focolaio di Bondeno: la prima, piu' vicina, riguarda parte dei comuni di Bondeno e Finale Emilia e la seconda, piu' ampia, che interessa le restanti parti di Bondeno e Finale e alcune aree dei comuni di Cento, S. Agostino, Mirabello e Mirandola.

L'ordinanza per l'attuazione degli interventi previsti sara' emanata dal Ministero della Sanita' poiche' sono interessate dall'area di sorveglianza anche alcune zone della provincia di Mantova.

Cosa fare per chi ha allevamenti domestici Per quanto riguarda gli allevamenti domestici di galline, anatre, oche e altri volatili - definiti in gergo ''allevamenti avicoli rurali'' - non ci sono pericoli che possano derivare dal consumo delle loro carni o uova.

Le precauzioni da utilizzare sono quelle che servono per evitare il contatto con animali selvatici: in questo momento di emergenza e' necessario proteggere gli animali tenendoli al chiuso. Inoltre, e' opportuno che i proprietari degli animali e i loro familiari evitino sia il contatto con animali di specie sensibili (galline, anatre, oche e altri volatili) all'influenza aviaria di altri allevamenti sia lo scambio di attrezzature per la gestione di questi animali.

Nel caso di sospetto della malattia, ossia una morte improvvisa e contemporanea di diversi animali come nel caso di Bondeno, occorre contattare il Servizio veterinario del Dipartimento di sanita' pubblica dell'Azienda Usl di riferimento, che provvedera' ad effettuare gli accertamenti necessari.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech