martedì 24 gennaio | 19:01
pubblicato il 05/set/2013 15:30

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

(ASCA) - Bologna, 5 set - Nuovo focolaio, il sesto in Emilia-Romagna, di influenza aviaria: si tratta di sei animali allevati per il consumo personale da un privato a Bondeno (Fe). Lo rivela una nota della giunta regionale dell'Emilia Romagna.

Le galline, risultate positive al virus H7 in seguito alla conferma del centro di referenza nazionale per l'influenza aviaria, si trovavano in una zona oltre le precedenti aree soggette a vincoli e individuate dalla normativa sanitaria europea e nazionale.

Sulla base dei protocolli operativi per la prevenzione della diffusione del virus sara' istituita una nuova zona di protezione e sorveglianza intorno al focolaio di Bondeno: la prima, piu' vicina, riguarda parte dei comuni di Bondeno e Finale Emilia e la seconda, piu' ampia, che interessa le restanti parti di Bondeno e Finale e alcune aree dei comuni di Cento, S. Agostino, Mirabello e Mirandola.

L'ordinanza per l'attuazione degli interventi previsti sara' emanata dal Ministero della Sanita' poiche' sono interessate dall'area di sorveglianza anche alcune zone della provincia di Mantova.

Cosa fare per chi ha allevamenti domestici Per quanto riguarda gli allevamenti domestici di galline, anatre, oche e altri volatili - definiti in gergo ''allevamenti avicoli rurali'' - non ci sono pericoli che possano derivare dal consumo delle loro carni o uova.

Le precauzioni da utilizzare sono quelle che servono per evitare il contatto con animali selvatici: in questo momento di emergenza e' necessario proteggere gli animali tenendoli al chiuso. Inoltre, e' opportuno che i proprietari degli animali e i loro familiari evitino sia il contatto con animali di specie sensibili (galline, anatre, oche e altri volatili) all'influenza aviaria di altri allevamenti sia lo scambio di attrezzature per la gestione di questi animali.

Nel caso di sospetto della malattia, ossia una morte improvvisa e contemporanea di diversi animali come nel caso di Bondeno, occorre contattare il Servizio veterinario del Dipartimento di sanita' pubblica dell'Azienda Usl di riferimento, che provvedera' ad effettuare gli accertamenti necessari.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4