giovedì 08 dicembre | 23:15
pubblicato il 05/set/2013 15:30

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

Aviaria: nuovo focolaio a Bondenon (Fe), e' il sesto in E. Romagna

(ASCA) - Bologna, 5 set - Nuovo focolaio, il sesto in Emilia-Romagna, di influenza aviaria: si tratta di sei animali allevati per il consumo personale da un privato a Bondeno (Fe). Lo rivela una nota della giunta regionale dell'Emilia Romagna.

Le galline, risultate positive al virus H7 in seguito alla conferma del centro di referenza nazionale per l'influenza aviaria, si trovavano in una zona oltre le precedenti aree soggette a vincoli e individuate dalla normativa sanitaria europea e nazionale.

Sulla base dei protocolli operativi per la prevenzione della diffusione del virus sara' istituita una nuova zona di protezione e sorveglianza intorno al focolaio di Bondeno: la prima, piu' vicina, riguarda parte dei comuni di Bondeno e Finale Emilia e la seconda, piu' ampia, che interessa le restanti parti di Bondeno e Finale e alcune aree dei comuni di Cento, S. Agostino, Mirabello e Mirandola.

L'ordinanza per l'attuazione degli interventi previsti sara' emanata dal Ministero della Sanita' poiche' sono interessate dall'area di sorveglianza anche alcune zone della provincia di Mantova.

Cosa fare per chi ha allevamenti domestici Per quanto riguarda gli allevamenti domestici di galline, anatre, oche e altri volatili - definiti in gergo ''allevamenti avicoli rurali'' - non ci sono pericoli che possano derivare dal consumo delle loro carni o uova.

Le precauzioni da utilizzare sono quelle che servono per evitare il contatto con animali selvatici: in questo momento di emergenza e' necessario proteggere gli animali tenendoli al chiuso. Inoltre, e' opportuno che i proprietari degli animali e i loro familiari evitino sia il contatto con animali di specie sensibili (galline, anatre, oche e altri volatili) all'influenza aviaria di altri allevamenti sia lo scambio di attrezzature per la gestione di questi animali.

Nel caso di sospetto della malattia, ossia una morte improvvisa e contemporanea di diversi animali come nel caso di Bondeno, occorre contattare il Servizio veterinario del Dipartimento di sanita' pubblica dell'Azienda Usl di riferimento, che provvedera' ad effettuare gli accertamenti necessari.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni