venerdì 09 dicembre | 17:17
pubblicato il 23/ago/2013 19:21

Aviaria: E.Romagna risponde on-line a consumatori. Sanitari, no rischi

Aviaria: E.Romagna risponde on-line a consumatori. Sanitari, no rischi

(ASCA) - Bologna, 23 ago - All'indomani della scoperta di focolai di influenza aviaria in allevamenti nel ferrarese e sul confine tra le province di Bologna e Ravenna, la regione Emilia Romagna e le aziende Usl di Imola e Ferrara hanno raccolto le domande piu' frequenti arrivate in questi giorni e reso disponibili on-line le relative risposte.

Lo comunica una nota ribadendo che ''non c'e' nessun pericolo che possa derivare dal consumo di carni avicole e di uova''. Ci sono problemi a mangiare alimenti che contengono uova crude? Debbo usare qualche precauzione per le galline del pollaio domestico? Ma se non ci sono pericoli di contagio, perche' vengono sequestrate le uova? Queste sono solo alcune delle domande alle quali si puo' trovare, a partire dai prossimi giorni, una risposta consultando il sito internet della Regione (http://www.saluter.it/influenza-aviaria-le-domande-e-le-risposte-piu-frequenti), della Usl di Imola (http://www.ausl.imola.bo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6415), della Usl di Ferrara (www.ausl.fe.it/home-page/news/allegati-news/2013/aviaria-le-risposte-alle-molte-domande-dei-cittadini) e del Comune di Mordano (http://mordano.provincia.bologna.it/index.php/influenza-aviaria).

Le stesse informazioni, su depliant, sono disponibili anche presso gli Uffici Relazioni con il Pubblico degli stessi Enti.

Le autorita' sanitarie precisano che per gli allevamenti avicoli rurali, ossia per chi possiede pollame (galline, anatre, oche e altri volatili) per consumo personale, non esistono pericoli che possano derivare dal consumo delle loro carni o uova. Le precauzioni da adottare sono quelle che occorrono per evitare il contatto con animali selvatici, adottando alcuni accorgimenti, come ad esempio evitare che nel recinto scorrano fossi o canali o vi siano stagni.

Per quanto riguarda la prevenzione della diffusione del virus, la raccomandazione che viene fatta, se si sospetta che sia comparsa la malattia (ad esempio la morte improvvisa e contemporanea di diversi animali), e' di contattare il dipartimento di Sanita' Pubblica dell'Ausl di riferimento, che provvedera' ad effettuare gli accertamenti del caso.

I sanitari ribadiscono, ancora una volta, che non c'e' nessun pericolo che possa derivare dal consumo di carni avicole e di uova, e che il ritiro di quest'ultime e' stato disposto esclusivamente come misure di estrema cautela in quanto potenzialmente venute a contatto con il virus. L'eventuale contaminazione non e' pericolosa per il consumatore, bensi' per il possibile contatto delle uova o dei relativi scarti (gusci) con altri avicoli.

red-stt/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina