lunedì 05 dicembre | 04:03
pubblicato il 05/giu/2013 14:32

Autostrade: A1, sabato notte chiuso tratto Attigliano-Orvieto

(ASCA) - Roma, 5 giu - Autostrade per l'Italia comunica che sull'A1 Milano-Napoli, dalle ore 21:00 di sabato 8 alle 07:00 di domenica 9 giugno, sara' chiuso il tratto compreso tra Attigliano ed Orvieto in entrambe le direzioni per i lavori di realizzazione della galleria artificiale fonoassorbente di Baschi all'altezza del km 459.

Sara' chiusa anche, a partire dalle ore 20, l'Area di Servizio Tevere est.

In alternativa si consigliano i seguenti itinerari alternativi, lungo i quali sara' presente apposita segnaletica.

Per chi proviene da Roma, uscire ad Attigliano e, seguendo le indicazioni per Castiglione in Teverina -Orvieto, rientrare in A1 alla stazione di Orvieto.

Il percorso e' valido anche in direzione opposta.

Ai mezzi pesanti di lunga percorrenza si consiglia, invece, di uscire ad Orte, percorrere la E45 in direzione Perugia ed immettersi poi sul raccordo Bettolle-Siena con rientro in A1 a Valdichiana. Anche in questo caso il percorso e' valido in direzione opposta.

La notizia chiusura del tratto dell'Autosole sara' diffusa attraverso i notiziari televisivi e radiofonici e sui pannelli a messaggio variabile.

A tutti i conducenti e' raccomandata la massima attenzione e prudenza nella guida soprattutto in prossimita' delle uscite obbligatorie.

red/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari