martedì 06 dicembre | 04:48
pubblicato il 06/gen/2013 14:36

Australia, l'isola di Tasmania devastata da incendi: 100 dispersi

Caldo record e venti forti alimentano le fiamme

Australia, l'isola di Tasmania devastata da incendi: 100 dispersi

Tasmania, (askanews) - Una serie di incendi sta devastando la Tasmania, isola dell'Australia. Secondo quanto riferito dalla polizia all'appello mancano 100 persone, fra cittadini e turisti, dispersi nei giorni di caos in cui in migliaia sono scappati dalle fiamme che hanno divorato centinaia di abitazioni. Almeno 3.000 persone hanno dovuto lasciare le loro case e sono state ospitate in rifugi d'emergenza. Chi dopo la furia delle fiamme è riuscito a tornare, si è trovato davanti solo distruzione."Tutte le città sono sostanzialmente distrutte, non è rimasto nulla" dice questo ragazzo."La maggior parte dei miei parenti e dei miei amici sono al sicuro, ma non le case", racconta una ragazza.A provocare l'ondata di incendi inarrestabile è stato il caldo record, con temeprature fino a 41 gradi, e i venti forti che hanno alimentato le fiamme.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari