venerdì 24 febbraio | 11:41
pubblicato il 08/ago/2012 11:56

Attrezzi ginnici contraffatti dalla Cina sequestrati a Taranto

Gdf trova due container con 1.800 macchinari

Attrezzi ginnici contraffatti dalla Cina sequestrati a Taranto

Taranto, (askanews) - Ogni stagione dell'anno ha la sua contraffazione e in estate non poteva che essere il turno degli attrezzi ginnici per tenersi in forma.I militari della Guardia di Finanza di Taranto hanno sequestrato 1.800 attrezzi "Ab rocket" E "Ab circle" contraffatti per un valore di 250mila euro.I macchinari erano nascosti in due container arrivati al porto di Taranto da Ningbo, in Cina. E' stata proprio la provenienza ad insospettire le Fiamme Gialle che hanno contattato la ditta titolare del marchio per effettuare le perizie.I tecnici hanno confermato la contraffazione, eseguita in modo da poter tranquillamente trarre in inganno il consumatore.Altre 106 panche per addominali sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Cattolica nel punto vendita dell'impresa importatrice a Monte Colombo, in provincia di Rimini.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech