lunedì 05 dicembre | 11:56
pubblicato il 21/lug/2011 15:46

Artigiano ucciso a Luzzara, il cognato ha confessato

Zanetti ha freddato Moretti con due colpi di fucile

Artigiano ucciso a Luzzara, il cognato ha confessato

Luzzara (Reggio E.), 21 lug. (askanews) - A uccidere Rodolfo Moretti, l'operaio di 44 anni trovato ieri sera di fianco alla sua auto parcheggiata vicino all'ingresso di una porcilaia a Luzzara nel reggiano, è stato il cognato Matteo Zanetti di 43 anni. Dopo cinque ore di interrogatorio, l'uomo ha confessato ai carabinieri di Guastalla di aver freddato il parente con due colpi di fucile. L'operaio ucciso ieri sera era già sfuggito un anno e mezzo fa a un complotto architettato dalla moglie, Roberta Franchi, dalla figlia Ylenia e da un amico di quest'ultima. I tre - per i quali ancora non c'è stata sentenza - sono accusati di tentato omicidio e sono attualmente agli arresti domiciliari. Questa volta, invece, a tendere l'agguato a Moretti è stato un altro parente, Zanetti appunto, che abita a Gazzoldo degli Ippoliti, nel mantovano. Come ha riferito in mattinata il sostituto procuratore Luciano Padula, il cognato della vittima si è recato presso la porcilaia dove lavorava Moretti, con un fucile da caccia regolarmente denunciato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari