sabato 10 dicembre | 15:43
pubblicato il 10/nov/2011 16:21

Arresto Pelle, Pignatone: frutto di uno sforzo di lunga durata

Polemica sui tagli: le risorse sono sempre più insufficienti

Arresto Pelle, Pignatone: frutto di uno sforzo di lunga durata

Era solo e disarmato, Sebastiano Pelle - boss della 'ndrangheta, capo dell'omonima cosca di San Luca, quando i carabinieri del Ros e del comando provinciale hanno messo fine alla sua latitanza che durava dal 1995. Un successo che il procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone ascrive alla costante collaborazione tra magistratura e forze dell'ordine, non senza una nota polemica sui continui tagli alla Giustizia.Sebastiano Pelle era considerato un boss di primo piano nonostante non fosse mai stato accusato per reati mafiosi. Era ricercato, infatti, per traffico internazionale di stupefacenti. Gli inquirenti però erano da tempo sulle sue tracce e pedinavano i suoi fedelissimi, come sottolinea il generale Mario Parente, comandante del Ros.Pelle, ora è stato portato in carcere dove gli sono state notificate tutte le ordinanze di custodia cautelare che lo riguardano: deve scontare 14 anni di reclusione.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina