sabato 25 febbraio | 17:26
pubblicato il 10/nov/2011 16:21

Arresto Pelle, Pignatone: frutto di uno sforzo di lunga durata

Polemica sui tagli: le risorse sono sempre più insufficienti

Arresto Pelle, Pignatone: frutto di uno sforzo di lunga durata

Era solo e disarmato, Sebastiano Pelle - boss della 'ndrangheta, capo dell'omonima cosca di San Luca, quando i carabinieri del Ros e del comando provinciale hanno messo fine alla sua latitanza che durava dal 1995. Un successo che il procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone ascrive alla costante collaborazione tra magistratura e forze dell'ordine, non senza una nota polemica sui continui tagli alla Giustizia.Sebastiano Pelle era considerato un boss di primo piano nonostante non fosse mai stato accusato per reati mafiosi. Era ricercato, infatti, per traffico internazionale di stupefacenti. Gli inquirenti però erano da tempo sulle sue tracce e pedinavano i suoi fedelissimi, come sottolinea il generale Mario Parente, comandante del Ros.Pelle, ora è stato portato in carcere dove gli sono state notificate tutte le ordinanze di custodia cautelare che lo riguardano: deve scontare 14 anni di reclusione.

Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech