lunedì 05 dicembre | 03:20
pubblicato il 03/dic/2011 15:37

Arrestato a Pomigliano D'Arco napoletano con valuta nordcoreana

L'operazione collegata all'arresto di Gianni Lapis

Arrestato a Pomigliano D'Arco napoletano con valuta nordcoreana

Pomigliano D'Arco (askanews) - Un nuovo arresto è stato eseguito dalla Guardia di finanza, nell'ambito dell'indagine che ha portato in carcere il tributarista palermitano Gianni Lapis, già condannato in relazione al 'tesoro' dell'ex sindaco mafioso di Palermo, Vito Ciancimino, e altre cinque persone. A Pomigliano D'Arco in provincia di Napoli è stato ora fermato Beniamino Margherita, che era in possesso di 11.500.000 in won, la valuta della Corea del Nord sottoposti a sequestro, per un valore di circa 3.800.000 euro. La particolarità del sequestro sta nel fatto che la Corea del Nord da tempo è soggetta ad embargo commerciale. L'operazione diretta dal procuratore aggiunto della direzione distrettuale antimafia di Palermo Antonio Ingroia ha consentito di smantellare un'organizzazione criminale finalizzata a riciclare denaro di provenienza illecita.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari