lunedì 27 febbraio | 04:19
pubblicato il 17/mag/2013 12:00

Arrestati 4 hacker Anonymous, tra attacchi siti Governo-Vaticano

Blitz Postale, a vertice gruppo ma perseguivano propri interessi

Arrestati 4 hacker Anonymous, tra attacchi siti Governo-Vaticano

Roma, 17 mag. (askanews) - Quattro hacker del collettivo di pirati informatici Anonymous sono stati arrestati stamattina da personale del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (Cnaipic) della Polizia Postale nell'ambito dell'operazione 'Tango Down', con la quale sono state eseguite in tutta Italia diverse perquisizioni e misure cautelari. Secondo gli inquirenti i 4 sarebbero responsabili di vari attacchi informatici ad alto livello, tra i quali alcuni nei confronti dei siti del Governo, del Vaticano, di Polizia, Carabinieri e di diverse importanti aziende italiane. Sulla base delle indagini coordinate dalla Procura di Roma, gli inquirenti hanno ricostruito il ruolo degli hacker arrestati: per le loro capacità erano stati identificati con il vertice di Anonymous, mentre in realtà approfittavano della notorietà del movimento per perseguire propri interessi in un certo senso 'tradendo' la causa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech