lunedì 27 febbraio | 20:02
pubblicato il 21/gen/2015 10:46

Appello Papa per Niger: non si può fare guerra in nome di Dio

"Brutalità contro i cristiani, i bambini, le chiese"

Appello Papa per Niger: non si può fare guerra in nome di Dio

Città del Vaticano, 21 gen. (askanews) - Il Papa ha invitato i fedeli presenti all'udienza generale in aula Paolo VI a "pregare insieme per le vittime delle manifestazioni di questi ultimi giorni nell'amato Niger. Sono state fatte brutalità con i cristiani, i bambini, le chiese. Invochiamo dal Signore il dono della riconciliazione e della pace, perché mai il sentimento religioso diventi occasione di violenza, di sopraffazione e di distruzione. Non si può - ha aggiunto tra gli applausi - fare la guerra in nome di Dio. Auspico - ha aggiunto Bergoglio - che quanto prima si possa ristabilire un clima di rispetto reciproco e di pacifica convivenza per il bene di tutti. Preghiamo la Madonna per la gente del Niger", ha concluso prima di recitare l'Ave Maria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech