domenica 11 dicembre | 03:12
pubblicato il 21/gen/2015 10:46

Appello Papa per Niger: non si può fare guerra in nome di Dio

"Brutalità contro i cristiani, i bambini, le chiese"

Appello Papa per Niger: non si può fare guerra in nome di Dio

Città del Vaticano, 21 gen. (askanews) - Il Papa ha invitato i fedeli presenti all'udienza generale in aula Paolo VI a "pregare insieme per le vittime delle manifestazioni di questi ultimi giorni nell'amato Niger. Sono state fatte brutalità con i cristiani, i bambini, le chiese. Invochiamo dal Signore il dono della riconciliazione e della pace, perché mai il sentimento religioso diventi occasione di violenza, di sopraffazione e di distruzione. Non si può - ha aggiunto tra gli applausi - fare la guerra in nome di Dio. Auspico - ha aggiunto Bergoglio - che quanto prima si possa ristabilire un clima di rispetto reciproco e di pacifica convivenza per il bene di tutti. Preghiamo la Madonna per la gente del Niger", ha concluso prima di recitare l'Ave Maria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina