giovedì 19 gennaio | 03:47
pubblicato il 24/apr/2011 13:52

Appello del Papa: aprire il cuore all'accoglienza dei profughi

Centomila fedeli a San Pietro per la messa di Pasqua

Appello del Papa: aprire il cuore all'accoglienza dei profughi

Oltre centomila persone hanno affollato piazza San Pietro per assistere stamane alla messa di Pasqua del Papa. Benedetto XVI nel suo messaggio ha ricordato le situazioni di conflitto che agitano la terra, auspicando che il dialogo e la diplomazia prendano il posto delle armi. Poi non è mancato un appello all'accoglienza e alla solidarietà verso "i tanti profughi e rifugiati che provengono da vari Paesi africani e che sono stati costretti a lasciare gli affetti più cari". "A loro - ha aggiunto il Papa - arrivi la solidarietà di tutti; gli uomini di buona volontà siano illuminati ad aprire il cuore all'accoglienza, affinchè in modo solidale e concertato si possa venire incontro alle necessità impellenti di tanti fratelli". Infine un pensiero al Giappone: "Ritrovi la speranza".

Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina