domenica 11 dicembre | 00:12
pubblicato il 19/mar/2014 12:00

Appalti Palazzo Chigi, Bisignani orientato al patteggiamento

Istanza presto all'attenzione del giudice

Appalti Palazzo Chigi, Bisignani orientato al patteggiamento

Roma, 19 mar. (askanews) - Potrebbe patteggiare la pena Luigi Bisignani, il manager finito nei guai per una inchiesta della Procura di Roma su un appalto pilotato nel 2010 per la gestione dei sistemi informatici di Palazzo Chigi. Dopo gli arresti domiciliari disposti il 19 febbraio scorso, Bisignani ha ottenuto l'obbligo di firma. L'accusa che deve fronteggiare è quella di frode fiscale, in relazione a una serie di fatture emesse nel 2011 per operazioni inesistenti. Le carte del procedimento con l'intesa rispetto alla condanna con la Procura, saranno presto all'attenzione del giudice Cinzia Parasporo. Nel fascicolo sono coinvolti anche il generale Antonio Ragusa, già capo del Dipartimento per le risorse strumentali della Presidenza del consiglio dei ministri, e Anselmo Galbusera, amministratore di Italgo Spa. Sono accusati, a vario titolo, di corruzione e turbativa d'asta. Per loro i pm Paolo Ielo e Mario Palazzi hanno delegato una serie di accertamenti e attendono il risultato di alcune verifiche e controlli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina