giovedì 23 febbraio | 15:12
pubblicato il 05/apr/2014 13:44

Aperti al pubblico i Giardini di Castel Gandolfo

Grande successo dell'iniziativa voluta da Francesco

Aperti al pubblico i Giardini di Castel Gandolfo

Castel Gandolfo, (askanews) - Passeggiare per i vialetti che hanno protetto le riflessioni e i momenti di riposo di tanti papi. Dal 1 marzo è infatti possibile visitare le bellezze naturali e il patrimonio archeologico di uno dei giardini più importanti e segreti di Roma quello "privato" di Castel Gandolfo, considerata residenza estiva 'ufficiale' dei pontefici.Le Ville Pontificie di Castel Gandolfo sorgono in un'area di circa 55 ettari situata nei Castelli Romani. Furono concesse alla Santa Sede con i Patti Lateranensi del 1929 e costituiscono la residenza suburbana frequentata dai papi fin dall'epoca di Urbano VIII, nel XVII secolo.Fino ad ora era stata una visita impensabile e invece per volere di Francesco non è solo ad uso esclusivo del Papa ma anche fruibile da turisti e pellegrini. L'iniziativa ha ovviamente ottenuto grande successo e in tanti sono accorsi per ammirare gli splendidi giardini, nonostante il costo non proprio economico del biglietti di 26 euro a persona.(immagini AFP)

Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Grana Padano, nuovo marchio indica provenienza latte su confezioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech