giovedì 23 febbraio | 17:08
pubblicato il 23/gen/2014 20:26

Antimafia: Garofoli, per aziende anche 15 anni tra sequestro e confisca

(RIPETIZIONE CON TITOLO CORRETTO).

(ASCA) - Roma, 23 gen 2014 - Esiste ancora un ''fortissimo divario'' tra confisca e sequestri di beni sottratti alla criminalita' organizzata, soprattutto per quanto riguarda le aziende. Uno dei problemi e' quello del lasso temporale che, alcune volte, ha raggiunto anche i 15 anni prima di arrivare alle confische definitive. A ricordarlo e' stato il segretario generale della presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli, magistrato del Consiglio di Stato e presidente della Commissione che ha elaborato il Rapporto sulle politiche antimafia del Governo.

Garofoli ha detto che, addirittura, il 90% delle aziende sequestrate non giunge a confisca definitiva e che si debbono affrontare ''una serie di fattori e criticita''' che investono anche aziende ''importanti'' sequestrate anche per diverse centinaia di migliaia di euro. Si tratta - ha poi concluso il magistraro - di una perdita finanziaria per lo Stato''. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech