martedì 17 gennaio | 16:56
pubblicato il 11/nov/2011 21:19

Antimafia/ Eredità di Falcone,suo metodo indagine ha fatto scuola

Convegno Urfi: Intercettazioni e collaboratori giustizia decisivi

Antimafia/ Eredità di Falcone,suo metodo indagine ha fatto scuola

Roma, 11 nov. (askanews) - L'eredità di Giovanni Falcone è anche il suo metodo di lavoro investigativo per combattere la mafia, con l'utilizzo scrupoloso dei collaboratori di giustizia e delle intercettazioni. Un metodo d'indagine che ha fatto scuola, come è emerso nel Convegno, Obiettivo Falcone: "Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola" organizzato da URFI, Ufficiali di Complemento e Riservisti Finanzieri esvoltosi a Roma nell' Aula Magna dell'Università "Gugliemo Marconi". Lo spunto è stato fornito dal libro Obiettivo Falcone, di Luca Tescaroli, il magistrato delle indagini sugli attentati dell'Addaura e di Capaci. Sulla morte di Falcone permangono ancor oggi dei dubbi, per esempio, non si sa su chi siano i mandanti esterni della Strage di Capaci, mentre come ha affermato il Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma, che per 16 anni ha investigato sui mandanti e sugli assassini del giudice, della moglie e della scorta: "I killer di Capaci furono identificati grazie ai collaboratori di giustizia. In particolare fu Giuseppe Marchese, che indicò in Gioacchino La Barbera, Antonino Gioé e Mezzasca (Mario Santo Di Matteo - il cui figlio fu ucciso dalla mafia, sciolto nell'acido nel 1993,-) come le persone da seguire" per capire chi uccise Falcone. Il magistrato ha sottolineato quanto sia vitale poter contare sui mezzi di indagine, come l'uso delle intercettazioni e di quanto siano importanti le testimonianze dei collaboratori di giustia, "Collaboratori le cui deposizioni vengono sempre verificate puntualmente attraverso altre indagini". Dalle testimonianze di Marche, appunto, attraverso delle indagini incrociate e le intercettazioni si arriv ai colpevoli: 27 ergastoli e 9 condanne pesanti comminati. Il Generale GdF, Ignazio Gibilaro - si legge in un comunicato di sintesi del convegno - ha esordito il suo intervento affermando: "Oggi sono qui a testimoniare una cosa taciuta per 30 anni". "Alla metà degli anni '80 da Torino, ero Capitano, avevo 24 anni, venni mandato a Palermo e insieme a 8 marescialli facevo parte dell'IEFCO, un pool di agenti del tributario che supportava a livello documentale, le deposizioni dei pentiti. Noi seguivamo gli interessi patrimoniali, societari, finanziari, delle famiglie sospettate di appartenere alla mafia, e attraverso lo studio e l'intersecazione dei dati supportavamo a livello documentale quello che i pentiti dicevano a Falcone e al pool dell'antimafia". "Noi sostanzialmente studiavamo la rete di interessi che ruotava intorno a Cosa Nostra". Quel metodo è diventato il metodo d'indagine è tutt'ora utilizzato. Non solo quel pool, quell'uovo di colombo, fu il precursore del SCICO e GICO. Mentre Angelantonio Racanelli, membro del CSM, risponde alla provocazione lanciata dal moderatore Gianfranco D'Anna, condirettore Radio Rai, ma allora giornalista di giudiziaria a Palermo, in merito ai cattivi rapporti tra Falcone e il CSM, in particolar modo SICA; che fu nominato al posto di Falcone. Rimanda poi al mittente, l'autore del Libro, Tescaroli, il fatto che la non elezione al CSM di Falcone fu uno dei motivi di isolamento del Giudice Falcone. Racanelli sostiene che "Sì, ci possono essere problemi anche caratteriali tra i giudici, ma altro", e continua asserendo che i magistrati "anche oggi i magistrati subiscono attacchi dalle Istituzionil". A chiusura dei lavori, il presidente URFI, Antonio Albanese: ricorda che "di Falcone rimane, lo spessore morale, la sua devozione alle istituzioni, i maxiprocessi alla mafia, e rimangono i suoi metodi investigativi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa