venerdì 24 febbraio | 09:48
pubblicato il 17/gen/2014 17:47

Antartide: morte Luigi Michaud, malore durante l'immersione

(ASCA) - Roma, 17 gen 2014 - Un malore in acqua durante l'immersione sarebbe la causa della morte di Luigi Michaud, la prima di un ricercatore italiano in Antartide in 29 anni di missioni. Secondo quanto appreso da ASCA, Michaud si sarebbe voluto immergere di persona assieme ad uno dei sommozzatori professionisti al seguito della XXIX missione italiana in Antartide, svolta nell'ambito del PNRA (Piano Nazionale Ricerche in Antartide). Nel corso dell'immersione il ricercatore avrebbe segnalato al suo compagno un malore.

Immediatamente portato a bordo dell'imbarcazione di appoggio, sulla quale era presente il medico della Base ''Mario Zucchelli'', Luigi Michaud e' stato subito soccorso, e poi trasportato alla base, ma ogni tentativo di rianimarlo e' risultato inutile. Le procedure per le immersioni nelle acque antartiche sono rigorosissime, come quelle riguardanti qualsiasi altra attivita' del personale, sia logistica che di ricerca. Nulla e' lasciato al caso, esattamente come avviene per le missioni spaziali. Incursori e sommozzatori di varie armi seguono ogni uscita dalla base, sia per attivita' di ricerca terrestri che marine. Una relazione sull'accaduto sarebbe gia' stata inviata al ministro per l'Istruzione, l'Universita' e la Ricerca, Maria Chiara Carrozza. Luigi Michaud, messinese, era gia' stato in Antartide al seguito della precedente spedizione, nel dicembre 2012, occupandosi dello studio del ghiaccio marino antartico, delle comunita' di organismi viventi al suo interno e del flusso di carbonio come biomassa all'interno della catena alimentare sostenuta dallo stesso ghiaccio marino. ''A nome di tutta l'Universita' di Messina - scrive il rettore Pietro Navarra - esprimo il piu' sentito cordoglio, in particolare alla moglie Angela e ai piccoli Carlo e Sophie, per la gravissima perdita. L'idea di una giovane vita interrotta cosi' tragicamente e prematuramente, ci addolora e ci lascia attoniti. Allo stesso tempo, l'amore per la ricerca e la scoperta, che ha sempre animato e spinto l'attivita' di Luigi Michaud, non puo' che rappresentare un esempio assoluto per tutti noi. Ed anche per questo non dimenticheremo la sua figura e faremo di tutto per onorarla nel modo migliore''. In un altro documento, i suoi colleghi ricordano ''le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell'Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli e' stato fatale''.

gdb/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech