lunedì 20 febbraio | 19:46
pubblicato il 25/gen/2014 11:28

Anno giudiziario/Torino: Barbuto su emergenza carceri, si usino caserme

(ASCA) - Torino, 24 gen 2014 - Si utilizzino le caserme dismesse per ospitare i condannati che oggi non hanno diritto a misure alternative alla detenzione ma che in base a probabili direttive di interpretazione ''largheggiante'', potrebbero essere rimessi in liberta' sper effetto dell'emergenza carceri. Lo ha proposto il presidente della Corte d'Appello di Torino Mario Barbuto nel corso della cerimonia per l'apertura dell'anno giudiziario nel capoluogo piemontese. ''A questi luoghi si destinino o detenuti per reati meno gravi, quelli per intenderci destinati alle misure alternative mediante una interpretazione eccessivamente largheggiante delle norme sulla spinta della condanna europea (la sentenza Torreggiani della corte europea di Strasburgo dell'8 gennaio 2013, ndr)''.

Quanto al problema della difficile procedura di sdemanializzazione delle strutture militari Barbuto ha fatto una battuta: ''non voglio fare il Renzi della situazione, ma la procedura si puo' risolvere in 5 minuti'' .

eg/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia