martedì 28 febbraio | 09:02
pubblicato il 25/gen/2014 11:11

Anno giudiziario/Roma: Pandolfi, dopo Banda Magliana no egemonia crimine

(ASCA) - Roma, 25 gen 2014 - ''La vastita' del territorio e la presenza di numerosissimi esercizi commerciali, di attivita' imprenditoriali, societa' finanziarie e di intermediazione, e di immobili di pregio'' sono fattori che spingono le cosche mafiose a scegliere Roma e il Lazio per poter fare investimenti di ogni tipo e mimetizzarsi.

L'analisi e' del presidente facente funzioni della corte di appello di Roma, Catello Pandolfi, secondo il quale ''una sicura attrattiva per le mafie e' rappresentata dal fatto che, dopo la Banda della Magliana, nessuna aggregazione criminale e' riuscita ad assumere un atteggiamento egemone sulle altre''.

bet/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech