giovedì 23 febbraio | 13:25
pubblicato il 25/gen/2014 12:32

Anno giudiziario/Catanzaro: Presidente Arcuri,allarme omicidi e ambiente

(ASCA) - Catanzaro, 25 gen 2014 - Situazione ''allarmante'' per il numero di omicidi volontari, ma anche rispetto allo stalking e alle violenze sessuali, mentre e' ''notevolmente peggiorata'' la condizione dei reati ambientali. Non e' affatto positivo il quadro dipinto dal presidente vicario della Corte d'Appello, Bruno Arcuri, nel corso della cerimonia per l'inaugurazione dell'anno giudiziario che si e' svolta nel palazzo di giustizia del capoluogo calabrese. Nel distretto si continua a registrare, infatti, una molteplicita' di reati, con impennate di alcuni dati che la dicono lunga anche sull'influenza della criminalita' organizzata. Nello specifico, il presidente Arcuri ha sottolineato come sia elevato il numero degli omicidi volontari, facendo particolare riferimento alla situazione di Vibo Valentia. Crescono anche i delitti contro la pubblica amministrazione, cosi' come sono ''in continuo costante aumento'' i dati relativi agli infortuni sul lavoro. Rispetto ai reati di stalking e violenze sessuali, pur in una omogeneita' dell'andamento dei reati sul territorio, particolarmente critica appare la situazione di Cosenza.

Altrettanto critica e' la condizione relativa ai reati di usura, rapina, estorsione e furti, spesso legati all'influenza della criminalita' organizzata, e comunque con dati che ancora registrano un notevole sommerso relativo all'usura per ''i legami di sudditanza tra vittima e finanziatore''. Rispetto ai reati legati al falso in bilancio e alla bancarotta fraudolenta, alimentati dalla crisi economica, un particolare segnale e' stato rivolto all'area del Cosentino, dove, ha ricordato Arcuri, ''il panorama criminale continua a registrare la presenza di un tessuto imprenditoriale parassitario, abituato a trarre vantaggio in maniera illecita da erogazioni o finanziamenti pubblici. In questo contesto, la risposta dello Stato ha fatto registrare un ''continuo e costante aumento delle applicazioni delle misure di prevenzione sia personali che reali'', considerando che la Procura distrettuale di Catanzaro ha proposto l'applicazione di misure patrimoniali pari a oltre 67,4 milioni di euro, con 11 misure di prevenzione patrimoniale e 38 misure personali, di cui 28 soltanto antimafia.

red/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech