martedì 06 dicembre | 07:23
pubblicato il 26/feb/2015 16:38

Anm: legge su responsabilità toghe è tentativo normalizzazione

Carbone: spada di Damocle che può intimorire magistrati

Anm: legge su responsabilità toghe è tentativo normalizzazione

Roma, (askanews) - Nella nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati "noi riteniamo che ci sia una finalità di normalizzazione della magistratura perché questa 'spada di Damocle' con azioni strumentali rischia di intimorire" il magistrato. Lo ha detto il segretario

dell'Anm, Maurizio Carbone, nel corso di una conferenza stampa a Roma. "Sarà nostro impegno, invece, di dare ai colleghi gli strumenti adeguati di tutela per evitare questa forma di normalizzazione e non ci faremo intimidire. Riteniamo inoltre che questa sia stata l'ennesima scappatoia, scorciatoia da parte del legislatore per nascondere i limiti e l'incapacità di fare riforme serie e concrete - non a caso oggi abbiamo presentato il decalogo della buona giustizia - e indica noi magistrati come responsabili della situazione", ha aggiunto Carbone.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari