mercoledì 07 dicembre | 20:11
pubblicato il 13/set/2013 15:09

Animali: Forestale sequestra 4 delfini presso il delfinario di Rimini

Animali: Forestale sequestra 4 delfini presso il delfinario di Rimini

(ASCA) - Roma, 13 set - Il Corpo forestale dello Stato - Servizio centrale Cites ha sequestrato oggi quattro delfini presso il delfinario di Rimini, sospettato di maltrattamento, diretti ora all'acquario di Genova dove saranno curati ed accuditi.

Lo comunica in una nota la Forestale, precisando che i 4 delfini appartengono alla specie ''Tursiops truncatus'', meglio conosciuta come delfino dal naso a bottiglia.

Il loro sequestro era stato disposto dal giudice per le indagini preliminari di Rimini, su richiesta dalla procura, dopo che, lo scorso luglio, il Corpo forestale era intervenuto nel delfinario a seguito di indagini precedentemente condotte.

L'intervento era stato condotto da una task force interministeriale composta da funzionari del ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare, da medici veterinari del ministero della Salute e da esperti di mammiferi marini. Dalle verifiche emersero diverse irregolarita' amministrative, per una sanzione di circa 18.000 euro. Tra le irregolarita' riscontrate: assenza di riparo dal sole e dalla vista del pubblico, carenza di un adeguato sistema di raffreddamento e di pulizia dell'acqua, nonche' vecchie vasche di contenimento irregolari non adatte a consentire un adeguato movimento dei tursiopi e a garantirne la salute fisica e psichica, costretti ad una convivenza coatta nel gruppo sociale dove erano inseriti. I delfini per di piu' non erano sottoposti ad un idoneo programma di trattamenti medici veterinari come testimonia l'assenza di vasche predisposte a tal fine, o adibite alla quarantena o ad ospitare le femmine durante il periodo di gravidanza e allattamento. Oltre a questi illeciti e' stato ipotizzato il reato di maltrattamento animale. Ora, una volta giunti a Genova, i delfini - il piu' piccolo dei quali ha 6 anni - verranno inseriti nelle due vasche curatoriali, non visibili al pubblico adiacenti la vecchia vasca espositiva per effettuare il consueto periodo di quarantena. Durante questo periodo di acclimatamento il personale veterinario e acquariologico della struttura potra' effettuare tutti i controlli veterinari necessari al monitoraggio dello stato di salute degli animali e prestare tutte le cure di cui questi avranno bisogno.

com-stt/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni