venerdì 24 febbraio | 02:52
pubblicato il 08/feb/2013 15:02

Animali: accolti in riserva naturale Forestale 21 cavalli maltrattati

Animali: accolti in riserva naturale Forestale 21 cavalli maltrattati

(ASCA) - Roma, 8 feb - Dalle stalle alle stelle, dall'orrore del maltrattamento alla confortevole vita nelle scuderie dell'Ufficio Territoriale per la Biodiversita' di Castel di Sangro (AQ) del Corpo forestale dello Stato. E' questo il destino riservato a 21 esemplari degli oltre 50 cavalli sequestrati a gennaio a Colleferro, Segni e Gavignano (RM) dove erano tenuti insieme a pony, muli e asini in pessime condizioni igienico-sanitarie e in grave stato di denutrizione nei terreni di un allevatore laziale. La maggior parte degli esemplari erano privi di microchip identificativo del quale sono stati successivamente muniti dai competenti servizi veterinari. Sono in tutto circa 100 gli equini sequestrati che, dopo opportune verifiche, potranno essere ospitati presso idonee strutture del Corpo forestale.

I cavalli, dopo il sequestro erano stati temporaneamente ricoverati in un'azienda zootecnica di Paliano (FR), in localita' Bosco Castello, e sono stati da li' prelevati stamattina da una task force della Forestale composta da unita' specializzate provenienti dai Centri di selezione equestre degli Uffici Territoriali per la Biodiversita' di Castel di Sangro, Follonica, Siena, Pieve Santo Stefano e dal personale del Comando Provinciale di Roma e Frosinone. L'operazione, particolarmente delicata considerando le condizioni di deperimento e lo stato brado degli equini, e' ancora in corso e ha richiesto il supporto di personale medico-veterinario che ha curato anche tutti gli aspetti legati alla certificazione sanitaria degli animali per consentirne lo spostamento.

Gli esemplari, compresi puledri e alcune fattrici gravide, sono stati caricati all'interno di appositi mezzi Van del Corpo forestale dello Stato e della Polizia di Stato che, per l'occasione, sono stati adattati alle condizioni di allevamento brado da cui provengono i cavalli, prevedendo quindi la rimozione delle strutture di separazione tra i comparti in modo da garantire un trasporto piu' confortevole e meno traumatico possibile per gli animali. I cavalli seguiranno un percorso di riabilitazione psicofisica presso le strutture del Centro di selezione equestre della Forestale dell'Ufficio Territoriale per la Biodiversita' di Castel di Sangro al termine del quale sara' possibile addestrarli secondo i metodi della doma dolce. In futuro presumibilmente saranno impiegati in progetti educativi o a carattere sociale come l'ippoterapia. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech