giovedì 23 febbraio | 02:44
pubblicato il 24/gen/2013 10:45

Ancora violenza a Napoli, ucciso un 34enne legato alla camorra

L'omicidio nel quartiere Barra, la vittima aveva precedenti

Ancora violenza a Napoli, ucciso un 34enne legato alla camorra

Napoli (askanews) - Secondo omicidio a Napoli in questo inizio di 2013. Nella serata di mercoledì è stato infatti ucciso nel quartiere periferico di Barra un 34enne già noto alle forze dell'ordine per episodi criminali legati alla droga e alla ricettazione. L'agguato, costato la vita a Ciro Valda, è avvenuto in via Mastellone, a pochi passi dall'abitazione della vittima che, secondo la ricostruzione dei carabinieri, sarebbe stato freddato con una serie di colpi di pistola sparati molto da vicino. L'omicidio sembra inserirsi anche in un contesto di camorra, Valda, secondo gli investigatori, era infatti affiliato al clan Cuccaro-Aprea, attivo nella zona orientale del capoluogo partenopeo. Analizzando la dinamica dell'agguato, i carabinieri si dicono sicuri della matrice camorristica dell'omicidio. E in città torna la paura di nuove guerre tra i clan.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech