sabato 25 febbraio | 15:28
pubblicato il 15/mag/2014 13:56

Anche i supplenti possono diventare presidi, lo ha deciso il Tar

Due ex precarie diventano presidi

Anche i supplenti possono diventare presidi, lo ha deciso il Tar

Roma, 15 mag. (askanews) - Il Tar Lazio ha stabilito che anche isupplenti possono diventare presidi. il Tribunale amministrativo ha infatti accolto un ricorsoe deciso che per partecipare al concorso per presidipuò essere ritenuto valido anche il periodo di precariato perchéequivalente a quello svolto dai colleghi di ruolo: due insegnantioggi ancora precarie, che nel 2011 avevano presentato ricorso esuperato tutte le prove preselettive e d'esame, si sono cosìviste sciogliere la riserva d'accesso al concorso. E siccome le due prof. hanno anche vinto ilconcorso, ora diventeranno a tutti gli effetti dirigentiscolastici.In pratica, per il Tar il servizio prestato da precario opost-ruolo va considerato allo stesso modo: esattamente comeavviene con i titoli accademici di accesso. Come del restoindicato dall'Unione Europea, non esiste alcuna ragionegiustificata per discriminare i precari della scuola.

Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech