venerdì 20 gennaio | 14:57
pubblicato il 18/lug/2013 12:48

Ambiente: Wwf, Min. Ambiente respinga progetti ricerca per idrocarburi

(ASCA) - Roma, 18 lug - Nell'ambito della campagna ''Sicilia: il petrolio mi sta stretto'', il Wwf ha chiesto alla commissione tecnica competente del Ministero dell'Ambiente di bocciare i progetti di ricerca di idrocarburi che Eni e Edison hanno presentato nel Canale di Sicilia, attualmente al vaglio della Commissione Valutazione di impatto Ambientale.

Questi nuovi progetti si sommano ai due permessi di ricerca gia' concessi alle stesse compagnie in area contigua e a altri sette titoli minerari tra istanze, permessi e concessioni che pure insistono nel Canale di Sicilia, un'area ricchissima di biodiversita', di turismo, ma anche di vulcani sottomarini tuttora attivi e considerata ad alto rischio sismico: tutti elementi che rendono i potenziali impatti delle trivelle davvero ''esplosivi'', certamente incompatibili con il delicato equilibrio ecologico e geologico della zona. Per questi motivi, al di la' dei pareri tecnici, il Wwf chiede al ministro dell'Ambiente Andrea Orlando di esprimersi contro questo velleitario rilancio delle produzioni nazionali di idrocarburi che stanno mettendo a serio rischio i nostri mari.

Il Canale di Sicilia e' un'area estremamente ricca dal punto di vista ambientale - vi nuotano delfini, balenottere, mante mediterranee, aquile di mare, squali, tonni, pesci spada e tartarughe marine - e riveste un'importanza strategica per l'intero Mediterraneo. Per proteggerla il Wwf ha lanciato la campagna ''Sicilia, il Petrolio mi sta stretto'', uno spazio di attivazione della cittadinanza per scongiurare e discutere la minaccia delle trivellazioni nello Stretto di Sicilia, con una speciale petizione online che per tutta l'estate raccogliera' firme per chiedere di fermare le trivelle e per l'istituzione di un'area protetta a Pantelleria, isola vulcanica vero gioiello del Mediterraneo, nonche' unica isola non ancora tutelata nello Stretto di Sicilia. Da anni Pantelleria e' in attesa di divenire un'area protetta, rientrando tra le zone di particolare pregio ambientale e culturale e oggi e' piu' che mai minacciata da nuovi progetti di piattaforme petrolifere off shore.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga su hotel, recuperata un'altra vittima. Bilancio 2 morti
Sanità
Salute, Lorenzin: via libera al Piano nazionale vaccini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"