giovedì 08 dicembre | 06:02
pubblicato il 08/mar/2013 19:52

Ambiente: WWF lancia appello contro sfruttamento suolo italiano

Ambiente: WWF lancia appello contro sfruttamento suolo italiano

(ASCA) - Roma, 8 mar - A ''tutti quei cittadini stanchi di vedere il proprio Paese divorato dal cemento'', il WWF lancia l'appello a firmare l'appello 'No al consumo di suolo, Si' al riuso dell'Italia' che rappresenta la seconda fase della campagna ''RiutilizziAMO l'Italia'. WWF focalizza cosi' l'attenzione sul ''rischio concreto che, in assenza di correttivi, nei prossimi 20 anni la superficie occupata dalle aree urbane cresca in Italia di circa 600mila ettari, pari ad un consumo di suolo di 75 ettari al giorno'', laddove dal 1945 ad oggi sono stati commessi ''4,5 milioni di abusi edilizi, 75mila l'anno e 207 al giorno''.

WWF intende, quindi, promuovere presso Istituzioni e amministrazioni pubbliche il ''Kit del riuso' per fermare l'ulteriore cementificazione del Belpaese. Firmando l'appello si chiede, pertanto: la profonda innovazione della legge urbanistica del 1942; la Carta ''No al consumo di suolo, Si' al riuso dell'Italia', ossia una dichiarazione in cui le amministrazioni pubbliche s'impegnano a prendere iniziative concrete per consumare meno suolo; la creazione Registro del suolo frutto di una banca dati integrata, accessibile ai cittadini, per monitorare e prevenire il consumo di suolo e garantire la trasparenza sugli interventi sul territorio; la 'fiscalita' antiabbandono', un'imposta selettiva per disincentivare il consumo di nuovo suolo al di fuori del perimetro urbanizzato.

In un video il geologo del Cnr, Mario Tozzi, ha promesso di ''ridurre il proprio 'consumo di suono', parlando cioe' piu' lentamente, se almeno 10mila persone firmeranno l'appello. Una seconda 'video sfida' l'ha lanciata, invece, il cronista di Radio Bici, Maurizio Guagnetti, che si accinge ad attraversare l'Italia in bicicletta: ''se almeno 5mila persone firmeranno l'appello del WWF contro il consumo del suolo, li ringraziero' uno per uno, proclamando i loro nomi in giro per le strade delle citta'''. Nella prima fase della campagna WWF ha raccolto 575 segnalazioni di aree degradate riqualificabili: il 38% dal Sud e le isole, il 33% dal Centro e il 29% dal Nord. Per firmare: wwf.it/riutilizziamolitalia.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni