martedì 21 febbraio | 05:25
pubblicato il 11/apr/2013 16:48

Ambiente: vescovi Canada, serve nuova cultura. Amare e custodire creato

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 apr - Occorre costruire una nuova cultura per salvaguardare l'ambiente dai rischi, assolutamente non piu' tanto remoti, di uno sviluppo economico che comprometta il futuro stesso dell'esistenza umana sul pianeta. E' quanto sottolinea la commissione Giustizia e pace dell'episcopato canadese, rende noto l'Osservatore Romano, che ha preparato uno speciale documento con il quale si offre una panoramica sulle questioni centrali in tema di ambiente, viste con gli occhi della Chiesa.

''Questi testi mostrano come, dal punto di vista cattolico, problemi economici, sociali e ambientali sono necessariamente collegati tra loro'', viene rimarcato nel sito della Conferenza episcopale, che ricorda anche le parole pronunciate da papa Francesco il 20 marzo scorso, con le quali e' stato riaffermato che la Chiesa e' ''consapevole della responsabilita' che tutti portiamo verso questo nostro mondo, verso l'intero creato, che dobbiamo amare e custodire''.

dab/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia