martedì 21 febbraio | 11:54
pubblicato il 21/nov/2012 15:57

Ambiente/ Raffica di procedure infrazione Ue contro l'Italia

Su discariche, inondazioni, Voc, pile e acque di balneazione

Ambiente/ Raffica di procedure infrazione Ue contro l'Italia

Bruxelles, 21 nov. (askanews) - La Commissione europea ha inviato oggi all'Italia una raffica di 'pareri motivati', secondo stadio della procedura comunitaria d'infrazione, sulla mancata o incompleta trasposizione o attuazione di direttive Ue relative alla politica ambientale. I 'pareri motivati' - che preludono a un possibile ricorso in Corte europea di giustizia contro l'Italia da parte dell'Esecutivo comunitario - riguardano rispettivamente il non adempimento dell'obbligo di chiudere o mettere in regola le discariche di rifiuti non conformi alle nuove norme Ue, la mancata trasposizione delle modifiche al regolamento sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (Voc), il recepimento troppo restrittivo della legislazione sulle alluvioni, nonché l'incompleta trasposizione della direttiva su pile e accumulatori e della legislazione sulle acque di balneazione. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia