domenica 22 gennaio | 20:21
pubblicato il 19/lug/2013 12:13

Ambiente: Marina militare e Ispra insieme per studio biodiversita'

Ambiente: Marina militare e Ispra insieme per studio biodiversita'

(ASCA) - Roma, 19 lug - L'imbarcazione idrografica della Marina militare, Nave Ammiraglio Magnaghi, al comando del capitano di fregata, Marco Grassi, e l'Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale (Ispra) stanno conducendo uno studio approfondito dei mari antistanti le coste siciliane, riguardante non solo il fondale, ma anche le specie ittiche presenti e di passaggio.

Al momento - comunica una nota - Nave Magnani, e' operativa nelle acque antistanti il porto di Milazzo (Me) dove sara' apaerta alle visite del pubblico sabato 20 e domenica 21 luglio: la nave e' dotata di un sistema di ripresa subacquea, il Baited Remote Underwater Video (Bruv) che consente la registrazione e l'analisi delle specie ittiche che popolano il fondale, attirate nel campo della telecamera da un'esca opportunamente posizionata. L'equipe imbarcata su Nave Magnaghi, composta da personale dell'equipaggio e da ricercatori dell'Ispra, ha gia' completato uno studio nell'area antistante il Porto di levante dell'isola di Vulcano (arcipelago delle Eolie). Anche in questo caso sono stati prelevati dei campioni del fondale e, grazie ad un ecoscandaglio multifascio - installato su imbarcazione idrografica - si e' potuto determinare anche la morfologia del fondale marino. La campagna di ricerca e' svolta nell' ambito dell'accordo di collaborazione per il Coordinamento nazionale della geofisica marina (Co.Na.Gem). I campioni acquisiti, dopo i primi trattamenti a bordo, saranno analizzati dal personale Ispra in laboratori specializzati.

Le prime attivita', svolte nell'ambito della Campagna idro-oceanografica 2013 che impegna la Nave da maggio ad ottobre, hanno riguardato il rilievo idrografico delle isole di Salina, Vulcano e Lipari, effettuando scandagliamento sia da Nave che da Barca.

I dati acquisiti, opportunamente analizzati, verranno impiegati dall'Istituto idrografico della Marina militare per l'aggiornamento della documentazione nautica attualmente in vigore per poi essere messi a disposizione di tutti i naviganti. com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4