mercoledì 22 febbraio | 21:04
pubblicato il 19/lug/2013 12:13

Ambiente: Marina militare e Ispra insieme per studio biodiversita'

Ambiente: Marina militare e Ispra insieme per studio biodiversita'

(ASCA) - Roma, 19 lug - L'imbarcazione idrografica della Marina militare, Nave Ammiraglio Magnaghi, al comando del capitano di fregata, Marco Grassi, e l'Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale (Ispra) stanno conducendo uno studio approfondito dei mari antistanti le coste siciliane, riguardante non solo il fondale, ma anche le specie ittiche presenti e di passaggio.

Al momento - comunica una nota - Nave Magnani, e' operativa nelle acque antistanti il porto di Milazzo (Me) dove sara' apaerta alle visite del pubblico sabato 20 e domenica 21 luglio: la nave e' dotata di un sistema di ripresa subacquea, il Baited Remote Underwater Video (Bruv) che consente la registrazione e l'analisi delle specie ittiche che popolano il fondale, attirate nel campo della telecamera da un'esca opportunamente posizionata. L'equipe imbarcata su Nave Magnaghi, composta da personale dell'equipaggio e da ricercatori dell'Ispra, ha gia' completato uno studio nell'area antistante il Porto di levante dell'isola di Vulcano (arcipelago delle Eolie). Anche in questo caso sono stati prelevati dei campioni del fondale e, grazie ad un ecoscandaglio multifascio - installato su imbarcazione idrografica - si e' potuto determinare anche la morfologia del fondale marino. La campagna di ricerca e' svolta nell' ambito dell'accordo di collaborazione per il Coordinamento nazionale della geofisica marina (Co.Na.Gem). I campioni acquisiti, dopo i primi trattamenti a bordo, saranno analizzati dal personale Ispra in laboratori specializzati.

Le prime attivita', svolte nell'ambito della Campagna idro-oceanografica 2013 che impegna la Nave da maggio ad ottobre, hanno riguardato il rilievo idrografico delle isole di Salina, Vulcano e Lipari, effettuando scandagliamento sia da Nave che da Barca.

I dati acquisiti, opportunamente analizzati, verranno impiegati dall'Istituto idrografico della Marina militare per l'aggiornamento della documentazione nautica attualmente in vigore per poi essere messi a disposizione di tutti i naviganti. com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech