lunedì 23 gennaio | 08:27
pubblicato il 22/mag/2011 05:11

Ambiente/ Il richiamo della foresta, oggi aprono le oasi Wwf

Campagna per salvare tre boschi in Lombardia, Lazio e Puglia

Ambiente/ Il richiamo della foresta, oggi aprono le oasi Wwf

Roma, 22 mag. (askanews) - Oggi circa 100 oasi del Wwf saranno aperte al pubblico in tutte le regioni italiane. Un vero mosaico di meraviglie naturali di cui oltre 40 costituite da boschi. L'occasione, in piena stagione primaverile e di migrazioni degli uccelli, è speciale per l'osservazione di animali rari e protetti, per partecipare a iniziative speciali e passare una giornata di relax insieme agli esperti del WWF. Tra le tante iniziative quest'anno c'è il Tree Listening ovvero ascolto dei suoni di un albero, un'opera creata dall'artista - designer inglese Alex Metcalf, in Italia per la prima volta in assoluto. Sarà possibile immergersi nelle sonorità della vita di un albero, ascoltando in maniera amplificata i suoni prodotti durante le sue quotidiane attività al Cratere degli Astroni a Napoli. Inoltre sarà possibile fruire dei laboratori di costruzione di maschere degli animali dell'oasi di Marmirolo in Emilia Romagna. Per gli sportivi c'è una minimaratona nell'oasi di Macchiagrande, nel Lazio che compie 25 anni. In Lombardia, a Vanzago, invece, si potrà conoscere e riciclare il sughero per salvare le sugherete. A Villa Paolina in Piemonte l'occasione di riconoscere gli alberi dalle foglie. La lavorazione della ceramica è proposta ai Calanchi di Atri in Abruzzo. Costruire aquiloni a Le Cesine in Puglia, fare la ricotta sarda a Monte Arcosu. Proposta anche una escursione botanica alla scoperta del ginepro fenicio a Torre Salsa in Sicilia od una passeggiata in Toscana, lungo il nuovo "Sentiero Natura" a Orti Bottagone. E poi un incontro con le api e il miele al Bosco San Silvestro a Caserta. In omaggio all'Anno delle Foreste il Wwf ha poi lanciato la grande raccolta fondi "Una nuova oasi per te" per tutelare e gestire a beneficio di tre boschi italiani di valore naturalistico: i Boschi di Marzagaglia in Puglia, dove querce rare, ulivi secolari, vigneti e masserie sono inframmezzati da strade e minacciati da tagli e pascoli; il bosco umido di Foce dell'Arrone, sul litorale laziale, sopravvissuto all'urbanizzazione devastante dell'area ed uno degli ultimi esempi di com'era un tempo la costa tirrenica e in Lombardia un'area prossima alla Riserva naturale di Valpredina, sulle Prealpi bergamasche.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4