domenica 22 gennaio | 14:19
pubblicato il 15/mar/2013 16:06

Ambiente: Equitalia firma accordo con ministero su efficienza energetica

(ASCA) - Roma, 15 mar - Sviluppare attivita' a basso impatto ambientale, tenendo sotto controllo le emissioni di gas a effetto serra con l'obiettivo di ridurle. Equitalia ha firmato oggi un accordo con il ministero dell'Ambiente con cui si impegna a realizzare iniziative finalizzate al miglioramento dell'efficienza energetica, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e alla riduzione di emissioni di CO2 nell'atmosfera. Lo comunicano, in una nota congiunta, Equitalia e ministero dell'Ambiente.

La collaborazione si inserisce nell'ambito del programma che coinvolge oltre settanta aziende nell'analisi e riduzione dell'impronta ambientale, fortemente voluto dal ministro Corrado Clini, in coerenza con le politiche governative del 'Protocollo di Kyoto' e del 'Pacchetto Clima - energia' dell'Unione Europea.

''E' interessante notare - ha dichiarato il ministro Corrado Clini - che nel programma per la valutazione dell'impronta ambientale il ministero collabora con soggetti che appartengono a settori molto diversi tra loro e che questa sperimentazione sta portando dei risultati inaspettati, che dimostrano quanto sia possibile migliorare l'impatto ambientale di prodotti e servizi su base volontaria, oltre i limiti imposti dalla legge''.

''La tutela dell'ambiente e del clima rappresenta un obiettivo primario per le aziende e la pubblica amministrazione - ha commentato il presidente di Equitalia, Attilio Befera - per questo motivo Equitalia ha voluto fortemente partecipare al programma del ministro Clini, con l'obiettivo di valorizzare tutte le attivita' e le iniziative interne che consentano di ridurre le emissioni nocive''.

Equitalia, n cooperazione con il ministero, intende condurre l'analisi e la contabilizzazione delle emissioni di CO2 (carbon footprint) derivanti dalle proprie attivita' di gestione del servizio di riscossione in alcune delle sue sedi. La societa' sara' inoltre impegnata alla definizione di un sistema di gestione delle emissioni, specifico per il settore della riscossione. Per ciascuna delle attivita' oggetto di carbon footprint, saranno successivamente individuati gli interventi, economicamente efficienti, volti alla riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra e, una volta fatta una stima delle restanti emissioni, sara' possibile decidere per la loro neutralizzazione.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Terremoti
Terremoto, Ingv: da agosto ad oggi oltre 48mila scosse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4