lunedì 05 dicembre | 04:18
pubblicato il 15/mar/2013 16:06

Ambiente: Equitalia firma accordo con ministero su efficienza energetica

(ASCA) - Roma, 15 mar - Sviluppare attivita' a basso impatto ambientale, tenendo sotto controllo le emissioni di gas a effetto serra con l'obiettivo di ridurle. Equitalia ha firmato oggi un accordo con il ministero dell'Ambiente con cui si impegna a realizzare iniziative finalizzate al miglioramento dell'efficienza energetica, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e alla riduzione di emissioni di CO2 nell'atmosfera. Lo comunicano, in una nota congiunta, Equitalia e ministero dell'Ambiente.

La collaborazione si inserisce nell'ambito del programma che coinvolge oltre settanta aziende nell'analisi e riduzione dell'impronta ambientale, fortemente voluto dal ministro Corrado Clini, in coerenza con le politiche governative del 'Protocollo di Kyoto' e del 'Pacchetto Clima - energia' dell'Unione Europea.

''E' interessante notare - ha dichiarato il ministro Corrado Clini - che nel programma per la valutazione dell'impronta ambientale il ministero collabora con soggetti che appartengono a settori molto diversi tra loro e che questa sperimentazione sta portando dei risultati inaspettati, che dimostrano quanto sia possibile migliorare l'impatto ambientale di prodotti e servizi su base volontaria, oltre i limiti imposti dalla legge''.

''La tutela dell'ambiente e del clima rappresenta un obiettivo primario per le aziende e la pubblica amministrazione - ha commentato il presidente di Equitalia, Attilio Befera - per questo motivo Equitalia ha voluto fortemente partecipare al programma del ministro Clini, con l'obiettivo di valorizzare tutte le attivita' e le iniziative interne che consentano di ridurre le emissioni nocive''.

Equitalia, n cooperazione con il ministero, intende condurre l'analisi e la contabilizzazione delle emissioni di CO2 (carbon footprint) derivanti dalle proprie attivita' di gestione del servizio di riscossione in alcune delle sue sedi. La societa' sara' inoltre impegnata alla definizione di un sistema di gestione delle emissioni, specifico per il settore della riscossione. Per ciascuna delle attivita' oggetto di carbon footprint, saranno successivamente individuati gli interventi, economicamente efficienti, volti alla riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra e, una volta fatta una stima delle restanti emissioni, sara' possibile decidere per la loro neutralizzazione.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari