sabato 10 dicembre | 12:03
pubblicato il 20/mar/2014 20:24

Ambiente: Domani Giornata Internazionale delle Foreste

Ambiente: Domani Giornata Internazionale delle Foreste

(ASCA) - Roma, 20 mar - ''Sai che legno usi? Perche' c'e' legno e legno. La differenza non e' solo tra il castagno e l'abete, per esempio, il mogano o l'ulivo: c'e' il legno certificato e quello che non lo e'. Ma non sempre ci pensiamo o siamo in grado di riconoscerli.

Sui prodotti in legno o a base di legno - dal mobile alla carta - possiamo trovare due tipi di certificazione forestale: quella del Forest Stewardship Council (FSC) e quella del Programma per il riconoscimento degli schemi di certificazione forestale (PEFC)''. Lo ricorda Legambiente, alla vigilia della Giornata internazionale delle foreste, invitando i cittadini a cercare sui prodotti finiti di marchi di certificazione forestale.

''La certificazione della filiera - spiega Antonio Nicoletti, responsabile aree protette di Legambiente - e' uno strumento che puo' e deve garantire la qualita' sociale e ambientale delle foreste, implicando, da parte di chi richiede la certificazione, anche l'assunzione di una precisa responsabilita' nel gestire in modo sostenibile il patrimonio forestale. La prospettiva di un vantaggio economico che deriva dalla gestione sostenibile di una foresta dovrebbe essere un incentivo per gestori e proprietari a considerare le foreste come un valore aggiunto per la comunita' locale e per l'economia''.

Secondo Legambiente e' necessario sviluppare in Italia una nuova modalita' di gestione delle foreste che tenga conto della sostenibilita' del settore dal punto di vista ecologico, sociale ed economico. Valorizzare i servizi eco sistemici che le foreste ci forniscono, frenare l'abbandono di molte aree interne, presidi fondamentali per la prevenzione degli incendi e contro il dissesto idrogeologico, sottolineare l'importanza della sostenibilita' delle foreste anche ai fini una corretta certificazione, sono tutti elementi importanti da considerare. E in questo senso, la certificazione deve tenere conto la multifunzionalita' delle foreste, la tutela del suolo, delle acque, dell'aria e la molteplicita' delle specie e dei paesaggi. Occorre dare una nuova funzione sociale ed economica al bosco e alle attivita' collegate. Le aree forestali protette possono rappresentare un laboratorio dove sperimentare questa nuova funzione e gestione sostenibile del bosco, puntando su percorsi di certificazione delle singole attivita' forestali e della filiera bosco-legno, iniziando a disincentivare le attivita' forestali meccanizzate in favore di quelle tradizionali e naturali che, oltre ad avere una maggiore capacita' di sequestro di carbonio nel suolo, mantengono intatte le foreste mature aumentando la loro biodiversita'.

''Ma nel nostro paese - aggiunge Nicoletti - oltre a non aver ancora recepito la normativa europea, si continua a tagliare alberi centenari, come accaduto recentemente nel Parco regionale delle Serre in Calabria e sul lago di Vico nel Lazio, a dimostrazione della poca cura che abbiamo del nostro patrimonio forestale''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina