venerdì 02 dicembre | 23:18
pubblicato il 04/apr/2013 18:32

Ambiente: Clini, combustibile da rifiuti per contrastare ecomafie

Ambiente: Clini, combustibile da rifiuti per contrastare ecomafie

(ASCA) - Roma, 4 apr - Il Combustibile solido secondario (Css) e' individuato come combustibile alternativo nell'ambito delle ''best available technologies' (le migliori tecnologie disponibili) europee per la produzione del cemento. In particolare, l'impiego del Css in sostituzione del pet-coke (sottoprodotto della raffinazione del petrolio) abbatte drasticamente le emissioni dai cementifici. Inoltre, la produzione di Css riduce la quantita' di rifiuti da conferire in discarica, e di conseguenza puo' dare un contributo a diminuire l'assedio dei rifiuti nelle regioni meridionali in emergenza ambientale''. Lo spiega il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, nel commentare un documento del Movimento 5 Stelle.

''Per queste ragioni - continua Clini - abbiamo predisposto, in applicazione rigorosa delle direttive europee, due provvedimenti per la regolamentazione della produzione e dell'impiego del Css, che sono stati sottoposti all'esame preventivo della Commissione europea''.

Il primo provvedimento e' il decreto ministeriale del 14 febbraio 2013, che stabilisce norme piu' restrittive rispetto alle precedenti sulla produzione di combustibile alternativo, imponendo controlli rigorosi, certificazioni di qualita' ambientale, tipologie consentite di materie prime ricavate dai rifiuti.

Il secondo provvedimento e' un decreto del presidente della Repubblica (Dpr), in fase di finalizzazione, che e' gia' stato esaminato con parere positivo dal Senato e successivamente e' stato rinviato dalla Camera al nuovo Parlamento. Il Dpr fissa per gli impianti che utilizzano Css limiti di emissione che al massimo possono essere pari a quelli, severissimi, degli inceneritori.

La via maestra per la gestione del ciclo integrale dei rifiuti - conclude il ministro - e' la raccolta differenziata per il recupero di materia. La produzione di Css e' un'opzione aggiuntiva, utile a sottrarre la gestione dei rifiuti ai circuiti dell'inefficienza che sono all'origine dell'emergenza in gran parte delle regioni meridionali e alimentano la malavita e le ecomafie''.

com-mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari