sabato 25 febbraio | 21:33
pubblicato il 07/lug/2011 16:50

Amazon punta sulla cloud, spazio illimitato per la musica

Utenti possono salvare file con le nuove tecnologie

Amazon punta sulla cloud, spazio illimitato per la musica

E' cloud computing mania tra i big mondiali del settore tecnologico. Dopo Google e Apple, anche Amazon.com sposta la sua attenzione sulla nuvola virtuale, e lancia una serie di iniziative con l'obiettivo di restare competitiva. L'azienda di commercio elettronico offre agli utenti del suo servizio Cloud Drive spazio illiminato sulla "nuvola" per immagazzinare i file musicali. Cloud Drive è stato lanciato a marzo e, utilizzando le nuove tecnologie di stoccaggio dati in remoto, al costo di 20 dollari l'anno offriva agli utenti 20 gigabyte, dimensioni che diventano illimitate. L'altra novità è Amazon Cloud Player per iPad, applicazione che unisce il catalogo musicale di Amazon (oltre 16 milioni di brani) alle funzioni di streaming e di download. Amazon continuerà a offrire gratuitamente - come fa anche Apple su iCloud - 5 giga di spazio a tutti i suoi utenti.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech