sabato 03 dicembre | 19:23
pubblicato il 09/mag/2013 17:13

Alzheimer: scoperta la proteina che sbaraglia protezione delle sinapsi

Alzheimer: scoperta la proteina che sbaraglia protezione delle sinapsi

(ASCA) - Milano, 9 mag - Identificata da uno studio della Univerista' Statale di Milano la proteina che mette ko l'enzima che previene la formazione di amiloide svolgendo una funzione protettiva contro l'Alzheimer.

Si tratta di un meccanismo patogenetico cruciale della malattia di Alzheimer, legato al ruolo della proteina ADAM10, pubblicato dalla rivista Journal of Clinical Investigation.

Il gruppo di ricerca guidato da Monica DiLuca del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell'Universita' di Milano, aveva gia' mostrato nel 2010 il ruolo determinante che la proteina ADAM10 svolge nelle sinapsi, sia nel processo di maturazione neuronale che nella prevenzione della formazione del peptide beta amiloide, che come e' noto e' fattore scatenante della malattia.

Il nuovo studio condotto dal gruppo della professoressa DiLuca pubblicato su JCI mostra ora come ADAM10 venga estromesso dalla sinapsi, e la sua funzione protettiva quindi messa fuori gioco, quando si trova associato alla proteina AP2. A riprova di questo, lo studio dimostra che l'associazione tra ADAM10 e AP2 aumenta in modo significativo nei cervelli di soggetti affetti da malattia di Alzheimer. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari