lunedì 05 dicembre | 14:29
pubblicato il 22/nov/2013 18:33

Alzheimer: nel 2050 in Europa 115 milioni di malati

Alzheimer: nel 2050 in Europa 115 milioni di malati

(ASCA) - Milano, 22 nov - Nel 2030 i malati di Alzheimer in Europa saranno oltre 65 milioni e nel 2050 saliranno a 115 milioni, con un costo sociale elevatissimo, oggi gia' oltre i 100 miliardi di euro all'anno: eppure sono molti gli stati, tra cui l'Italia, a non avere ancora un piano strategico nazionale per la gestione di questi pazienti. Per far fronte a questa emergenza, l'Istituto Neurologico ''Carlo Besta'' ha coordinato 31 gruppi di ricercatori impegnati nello studio e nella gestione di questa patologia in tutta Italia, con il supporto del Ministero della Salute, per sviluppare e validare un protocollo per la diagnosi precoce di malattia di Alzheimer e valutare le implicazioni del suo trasferimento al Servizio Sanitario Nazionale. In questo ambito e' stato sviluppato, in collaborazione con Regione Lombardia e ASL di Milano, il primo modello italiano integrato ospedale-territorio per diagnosticare, trattare e gestire i pazienti colpiti da demenza, gia' sperimentato in tre distretti ASL del capoluogo lombardo e oggi esteso a tutta la citta', coinvolgendo oltre 2000 malati.

Tra i risultati piu' importanti vi sono l'individuazione di nuovi test molecolari per la diagnosi di malattia di Alzheimer, un percorso diagnostico terapeutico assistenziale efficiente e uguale per tutti i pazienti, cartelle cliniche condivise elettronicamente tra medici di base e specialisti e una mappa elettronica di tutti i servizi per pazienti disponibili sul territorio. I risultati del progetto sono stati presentati a Milano presso il Palazzo della Regione Lombardia nel corso del convegno ''Malattia di Alzheimer: strategie e modelli per affrontare la pandemia''.

Sottolinea Fabrizio Tagliavini, direttore del Dipartimento di malattie neurodegenerative dell'Istituto Neurologico Carlo Besta: ''In Italia non vi e' un piano nazionale per le demenze, sebbene il Ministero della salute abbia pubblicato un documento in dieci punti per lo sviluppo di una strategia nazionale. L'attuale organizzazione si basa sulla rete di unita' di valutazione Alzheimer; tuttavia, vi e' una grande eterogeneita' sul territorio nazionale nei servizi erogati da regioni e strutture locali per la valutazione, la diagnosi e la gestione dei malati. Ne consegue che in Italia non tutti gli individui ricevono le cure di cui hanno bisogno, in particolare nelle fasi iniziali della malattia''. ''Per questa ragione - continua Tagliavini - ritengo molto importante che il Piano nazionale demenze diventi una priorita' del Governo, anche per limitare con la diagnosi precoce i costi sociali di questa patologia a cui il prossimo 10 dicembre sara' dedicato un summit del G8 in Inghilterra''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari