domenica 11 dicembre | 01:23
pubblicato il 19/set/2014 12:00

Allerta terrorismo, a San Pietro sicurezza elevata al massimo

Più uomini e mezzi per garantire una sorveglianza maggiore

Allerta terrorismo, a San Pietro sicurezza elevata al massimo

Roma, 19 set. (askanews) - I dispositivi di sicurezza nella zona del Vaticano e di piazza San Pietro a Roma sono stati "elevati al massimo" in seguito alle allerta sulle minacce di attentati terroristici di matrice islamica. A quanto si apprende si tratta di un rafforzamento del piano di sicurezza gestito dalla Questura della capitale, con più uomini e mezzi per garantire una sorveglianza e un'attenzione maggiore su San Pietro. Il dispositivo, scattato nei giorni scorsi, è già stato applicato nell'udienza di Papa Francesco di mercoledì scorso e viene naturalmente modulato a seconda delle uscite pubbliche del Pontefice. Proprio nei giorni scorsi l'ambasciatore iracheno presso la Santa Sede, Habeeb Al Sadr, in un'intervista a un quotidiano aveva spiegato che anche "il Papa è un bersaglio" dell'Isis: "I nostri analisti, la nostra intelligence fanno ipotesi in tal senso. Sappiamo bene come ragionano questi terroristi. I loro obiettivi sono riconosciuti. Io non escluderei che l'Isis arrivi a colpirlo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina