domenica 11 dicembre | 15:20
pubblicato il 25/gen/2013 16:00

Allergie: Pediatri Siaip, nuove frontiere nella diagnostica molecolare

(ASCA) - Firenze, 25 gen - ''L'individuazione degli allergeni molecolari e' molto importante per la diagnosi delle allergie. Non a caso, la diagnostica molecolare applicata all'allergologia sta prendendo sempre piu' campo, rivoluzionando di conseguenza anche le scelte terapeutiche''.

Cosi', Roberto Bernardini, Presidente nazionale della Societa' Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) riunita a Firenze dal 25 al 26 gennaio per il suo Quarto Congresso Regionale. La diagnosi molecolare e la sua applicazione in allergologia, l'immunoterapia specifica e le reazioni avverse ai farmaci sono solo alcuni dei temi al centro di questo appuntamento che vede riuniti oltre 500 pediatri italiani con i maggiori esperti, in ambito pediatrico, nelle diverse discipline per discutere delle piu' importanti novita' in campo allergologico e immunologico.

Bernardini chiarisce che ''mentre con i test diagnostici ''classici' - prick test cutaneo, CAP test per la ricerca delle IgE specifiche - si evidenziano anticorpi (IgE) rivolti verso molecole allergeniche di qualsiasi tipo presenti in una fonte (ad esempio graminacee, acaro della polvere, arachide, latte, uovo, ecc), con i test molecolari e' possibile individuare la singola molecola specifica di 'quella' fonte oppure una molecola presente su tante fonti contemporaneamente. Cio' - sottolinea il Presidente della SIAIP - comporta risvolti pratici facilmente immaginabili nell'ambito di percorsi dietetici-terapeutici, in particolare nella scelta di un'eventuale immunoterapia specifica o di un vaccino''. Quando si parla di pollini, come le graminacee, va considerato che all'interno di essi convivono una miriade di molecole: solo alcune sono in grado di causare la comparsa dei sintomi dell'allergia. All'interno dei pollini di graminacee, betulla, ecc. ci sono infatti molecole presenti anche in altri pollini come pure in molti alimenti e appartenenti alla famiglia delle profiline, PR-10: anche queste molecole possono scatenare un'allergia. ''Attraverso la diagnostica molecolare - continua Bernardini - si e' in grado di distinguere se esiste una molecola specifica solo per quel tipo di polline, di alimento, e che causa una allergia solitamente grave oppure se esistono molecole presenti in quel polline come in altri tipi di polline, o anche in alimenti, che possono determinare una reazione allergica solitamente piu' lieve''. Spesso infatti i pazienti mostrano sensibilizzazioni multiple quando sottoposti ai test tradizionali allergologici e per questo motivo, anche se canditati all'immunoterapia specifica, non la effettuano per la difficolta' ad individuare l'allergene principale o gli allergeni principali. Ed e' proprio in questi casi che la diagnostica molecolare rivela tutta la sua utilita' come strumento per distinguere tra una vera sensibilizzazione ed una falsa polisensibilizzazione (la positivita' verso diversi allergeni). ''Le allergie - conclude Bernardini - non vanno mai sottovalutate, gia' in eta' pediatrica possono determinare reazioni anche gravi ma, soprattutto, devono essere correttamente diagnosticate da uno specialista e opportunamente curate''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina