sabato 03 dicembre | 08:30
pubblicato il 06/feb/2014 17:19

Aliscafo in fiamme a Napoli: panico a bordo

Tutti in salvo i passeggeri

Aliscafo in fiamme a Napoli: panico a bordo

Napoli (askanews) - Paura ma nessun ferito sull'aliscafo andato a fuoco a Napoli. Nella sala macchine dello Zenith che collega Capri con il capoluogo campano è scoppiato un incendio, che è stato rapidamente domato ma ha riempito l'imbarcazione di fumo. Privo di ponti esterni, i 60 passeggeri sono dovuti restare all'interno dello scafo e hanno indossato i giubbotti di salvataggio. Alcune persone hanno avuto nausea e piccoli malori a causa del fumo e del mare agitato nonostante fossero state aperte alcune porte. "Le condizioni del mare non erano buone e c'è stata un po' di paura"Il mezzo è arrivato al porto di Napoli scortato dalle motovedette della Capitaneria di Porto come spiega il comandante Cammerota della Capitaneria di Porto. "Per precauzione il comandante ha anche preparato l'abbandono della nave, ed è iniziato il piano di soccorso".Al molo Beverello è stata fornita tutta l'assistenza necessaria ai passeggeri e all'equipaggio.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari