sabato 03 dicembre | 11:08
pubblicato il 22/lug/2013 16:52

Alimenti: Cia, no a psicosi su pesto, paura a tavola danneggia consumi

Alimenti: Cia, no a psicosi su pesto, paura a tavola danneggia consumi

(ASCA) - Roma, 22 lug - L'annuncio della sospetta presenza di botulino nel pesto genovese di una ditta locale rischia di produrre una nuova psicosi. La 'paura a tavola', infatti, incide pesantemente sui consumi, soprattutto in Italia dove la garanzia di sicurezza alimentare e' il criterio al primo posto nelle scelte di acquisto per otto cittadini su dieci.

E' quanto dichiara la Cia, confederazione italiana agricoltori, in una nota, commentando l'allarme botulino lanciato in questi giorni su una marca di pesto genovese.

La Cia ricorda che, di fronte a un allarme alimentare, quasi il 45% degli italiani ammette di evitare l'acquisto del cibo finito 'nel mirino' per un certo periodo di tempo. Per questo, avvertono dalla confederazione, bisogna agire in fretta e fare al piu' presto tutte le verifiche per circoscrivere casi, tempi e modalita', altrimenti per non incorrere nel pericolo di scatenare timori generalizzati capaci di provocare danni enormi all'agroalimentare.

red/lus/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari