mercoledì 18 gennaio | 05:39
pubblicato il 06/mar/2015 10:07

Alimentare: Parmigiano tra crisi, falsi e crollo dei prezzi

Coldiretti porta in piazza a Bologna sindaci e produttori

Alimentare: Parmigiano tra crisi, falsi e crollo dei prezzi

Bologna (askanews) - È un vero bollettino di guerra per il Parmigiano Reggiano: prima il terremoto del 2012 in Emilia che ha distrutto migliaia di forme con danni per oltre 150 milioni di euro; poi la crisi che, solo nel 2014, ha costretto alla chiusura 1 stalla su 4; poi ancora un crollo del 20% del prezzo pagato ai produttori e, infine, la concorrenza dei falsi di scarsa qualità.

Tempi duri, insomma, per il formaggio simbolo del "made in Italy", per questo Coldiretti, in vista dell'Expo di Milano, ha chiamato in piazza a Bologna allevatori e produttori per invitare i cittadini a mangiare italiano.

Marco Allaria Olivieri, direttore Coldiretti Emilia-Romagna: "Abbiamo calcolato - ha spiegato - che il falso made in Italy nel mondo vale 60 miliardi di euro e solo per l'ER se fosse contrastata in modo serio la contraffazione, attraverso l'etichettatura obbligatoria, ci sarebbe la possibile di creare circa 30 mila posti di lavoro nuovi. Oggi vogliamo dare qui un messaggio: gli allevatori italiani ci sono; dobbiamo consumare prodotti italiani; dobbiamo tutelare e valorizzare questi prodotti made in Italy".

In piazza Coldiretti ha allestito l'intera filiera del Parmigiano: una stalla con le vacche rosse, la zona mungitura, il caldaio di rame per il formaggio e l'antica zangola per fare il burro.

Per i più piccoli lezioni sulla natura e la buona alimentazione degustazioni di Parmigiano per i più grandi. In un angolo, invece, la "galleria degli orrori" con le imitazioni - scovate sugli scaffali dei supermercati di mezzo mondo - che mettono sempre più in crisi allevatori e produttori.

"Ci siamo trovati quasi costretti a commercializzare il nostro prodotto aprendo e investendo in uno spaccio aziendale perché alla grande distribuzione ci viene pagato poco o niente e non riusciamo neanche a pagarci le spese di produzione. Se la situazione continua così vedremo molte aziende chiudere".

All'appuntamento di Coldiretti hanno partecipato anche tanti sindaci che si sono cimentati anche nella mungitura delle vacche.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa