domenica 04 dicembre | 13:48
pubblicato il 25/feb/2014 16:15

Alimentare: in vendita da Harrods a Londra finto olio toscano. Bloccato

Alimentare: in vendita da Harrods a Londra finto olio toscano. Bloccato

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - A seguito dell'apertura della procedura ex officio avviata dall'Ispettorato centrale della tutela della qualita' e della repressioni frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf) il Department for Environment Food & Rural Affairs (Defra) del Regno Unito ha comunicato la sospensione della commercializzazione dell'olio 'Tuscan Extra-virgin Olive Oil'' presso i magazzini ''Harrods'' di Londra e sul sito web www.harrods.com.

''La tutela e la promozione dell'autentico Made in Italy nel mondo - commenta in una nota il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina - e' una priorita' assoluta di questo Governo, oltre che una missione strategica per l'economia nazionale. La sospensione della commercializzazione da parte di Harrods di un olio extravergine d'oliva venduto come toscano, in violazione delle norme sulle indicazioni geografiche, e' la testimonianza del forte impegno che l'Italia porta avanti nella lotta alla contraffazione''.

L'Icqrf aveva infatti chiesto di bloccare la vendita in quanto l'olio venduto - imbottigliato nel Regno Unito e commercializzato col marchio Harrods - recava in etichetta espliciti riferimenti evocativi della produzione dell'olio Extra vergine di oliva Igp 'Toscano', protetta in ambito Ue.

''La difesa delle denominazioni d'origine e del nostro patrimonio d'eccellenza alimentare - prosegue Martina - e' il campo quotidiano dove impegniamo le forze migliori degli organismi di controllo collegati al Ministero. Il risultato ottenuto, poi, e' un'ulteriore conferma dell'importanza delle leggi europee in materia e della nostra capacita' di richiederne la corretta applicazione sul territorio comunitario. Ringrazio quindi l'Ispettorato repressione frodi del ministero per la professionalita' dimostrata in questo caso e per la difesa quotidiana del patrimonio agroalimentare italiano. Un grazie va anche all'Autorita' britannica del Defra, la cui collaborazione e' stata rapida ed efficace'', conclude l'esponente del governo italiano.

Grazie alla normativa europea, fortemente voluta dall'Italia (reg. UE 1151/12), la protezione delle nostre produzioni Igp e Dop puo' essere attivata su tutto il territorio dell'UE con il pieno coinvolgimento degli Stati membri in cui avviene l'irregolare commercializzazione. com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari