lunedì 05 dicembre | 10:07
pubblicato il 29/nov/2013 10:28

Alimentare: Coldiretti, 4/12 al Brennero 10mila agricoltori

Alimentare: Coldiretti, 4/12 al Brennero 10mila agricoltori

(ASCA) - Roma, 29 nov - Mercoledi 4 dicembre dalle 9 diecimila allevatori e coltivatori della Coldiretti provenienti da tutte le regioni presidieranno il valico del Brennero nell'ambito della mobilitazione 'La battaglia di Natale: scegli l'Italia' per difendere l'economia e il lavoro dalle importazioni di bassa qualita' che varcano le frontiere per essere spacciate come italiane. Lo riferisce una nota della Coldiretti.

Autobotti, camion frigo, container saranno verificati dagli agricoltori e dagli allevatori per smascherare il 'finto Made in Italy' diretto sulle tavole in vista del Natale, all'insaputa dei consumatori per la mancanza di una normativa chiara sull'obbligo di indicare l'origine degli alimenti.

Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo guidera' il presidio che si svolgera' in stretta collaborazione con le forze dell'ordine presenti in frontiera.

In collegamento diretto con il Brennero nel centro della Food Valley italiana a Reggio Emilia, con corteo dalle ore 10.30 e conclusione in Piazza S. Prospero, migliaia di allevatori manifesteranno per salvare il vero prosciutto italiano assunto a simbolo della difesa del 'Made in Italy' nei confronti delle imitazioni provenienti dall'estero.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari